Meglio un profilo twitter o una torta fatta in casa?

Per poter gestire efficacemente un hotel, è necessario un continuo aggiornamento. Questo significa partecipare a seminari, leggere libri di management, seguire blog che discutono degli argomenti più disparati, che vanno dal web marketing, al revenue management, alle gestione dei social media, della distribuzione on line, all'utilizzo dei Channel Manager e chi ne ha più ne metta.

Per poter gestire efficacemente un hotel, è necessario un continuo aggiornamento. Questo significa partecipare a seminari, leggere libri di management, seguire blog che discutono degli argomenti più disparati, che vanno dal web marketing, al revenue management, alle gestione dei social media, della distribuzione on line, all’utilizzo dei Channel Manager e chi ne ha più ne metta.

Profilo Twitter torta

Ogni tanto però mi chiedo:

Ma perché non si parla più di servizio?

E della soddisfazione dell’ospite?

Vari gruppi di discussione si soffermano sulla tariffa più adatta :

69,89,109?

Siamo sicuri che l’unica arma a nostra disposizione sia quella di convincere l’ospite, applicando una tariffa che deve rigorosamente terminare con il numero 9?

Probabilmente Si! Mi spiego meglio:

Se la nostra piccola colazione è uguale a tutte quelle che servono nelle altre strutture, se le nostre camere non hanno niente di diverso da quelle dei nostri concorrenti, se il nostro staff è professionale, ma niente di speciale, allora in questo caso la risposta è si!

In fondo, perché il cliente dovrebbe scegliere il mio hotel che ha una tariffa superiore di 20 Euro rispetto al mio concorrente?

Forse potrebbe scegliere il mio hotel perché:

Il mio caffè non è servito con i distributori automatici ed il mio addetto breakfast è così bravo ed ha un sorriso così sincero, che la mattina mi mette di buon umore.

Perché il mio receptionist fa il proprio lavoro con passione, professionalità  e gli ospiti si sentono speciali.

Perché il mio cuoco prepara quei piccoli snack il pomeriggio e poi ne offre un assaggio, gratuitamente, agli ospiti presenti in piscina.

Da quando abbiamo assunto questo cuoco, è aumentata molto la percentuale degli ospiti che soggiornano in hotel e che decidono di cenare nel nostro ristorante.

Ricordo il caso di un piccolo albergo in Toscana, che è stato considerato dai viaggiatori di Tripadvisor, tra i 25 hotel più amati di tutta l’Europa ( non della provincia provincia di Siena, in Europa! )

Quando sono andato a vedere il loro sito, ho scoperto che non avevano un profilo twitter e che probabilmente, il loro sito non era ottimizzato per la navigazione dei dispositivi mobili . Non credo avessero un esperto in social media marketing o avessero acquistato un rate shopper.

Eppure, gli ospiti erano contentissimi e gli affari probabilmente andavano a gonfie vele. A mio parere avevano tanto successo perché i proprietari, dedicavano il loro tempo al servizio, alla soddisfazione dell’ospite ed a quelle splendide torte di frutta che preparavano con tanto amore.

A proposito, voi avete il tempo di preparare le torte di frutta? Oppure dedicate il vostro tempo alla gestione del vostro profilo twitter?

Stiamo perdendo di vista il vero lavoro dell’albergatore?

Stiamo dedicando il nostro tempo ed investendo le nostre risorse in modo sbagliato?

Se prima non riusciamo a fare bene il lavoro di albergatore, avrà  senso parlare di revenue management e di social media manager per hotel?

Probabilmente non hai letto l’agriturismo di Frittole e Tripadvisor.

Ti consiglio di leggere la guerra dei prezzi

Lascia un commento sotto per scambiarci qualche idea